“E” come Energia. Il ruolo dell’Authority.

‘E’ come Energia. Il ruolo dell’Authority. “Viviamo assediati dalle parole dell’Ambiente, spesso non comprendendone fino in fondo il significato. Abbiamo bisogno di un dizionario ambientale”.

"E" come Energia
Il dizionario ambientale pubblicato sulla rivista “Orizzonti”

Parafrasando un celebre slogan pubblicitario:  “la potenza è nulla senza controllo” potremmo dire che anche l’Energia (potenza) è nulla senza le politiche energetiche (controllo).

La consistenza fisica dell’energia, la sua stessa fluidità, rende tuttavia assai difficile l’esercizio del controllo. Complessa è la sistematizzazione organica della materia poiché la sua regolamentazione si estende ai campi più disparati dell’ordinamento giuridico.

Problemi giuridici relativi alla disciplina del settore energetico sono essenzialmente connessi alla separazione di competenze, tra diritti e responsabilità dell’Unione e degli Stati membri o, ancora, tra gli Stati e le regioni ed anche tra la Politica e l’Authority (Autorità di regolazione per l’Energia e l’Ambiente – ARERA). Come si evince dal Terzo Pacchetto dell’Energia, predisposto dalla Comunità Europea ed entrato in vigore il 3 settembre 2009 la Ue ha posto un limite all’ingerenza dell’esecutivo nella sfera di attribuzione riservata al regolatore di settore. I governi degli Stati membri sono stati privati della titolarità di scelte fondamentali relative alla organizzazione ed al funzionamento delle reti di trasporto dell’energia la cui attuazione è sostanzialmente rimessa alle Autorità Nazionali di Regolazione.

Nel nostro ordinamento giuridico interi settori di pubblico interesse sono stati negli ultimi 20 anni devoluti alla gestione equilibrata e indipendente delle Authorities.

 

Le Autorità Amministrative Indipendenti sono enti dotati di personalità giuridica di diritto pubblico investiti della tutela di interessi fondamentali di rilevanza costituzionale. Si tratta di organismi indipendenti dotati di una posizione di terzietà, di forte imparzialità, di evidente neutralità, di grande competenza tecnica e di esplicita indifferenza verso gli stessi interessi tutelati.

Fondamento costituzionale delle Authorities si rinviene, in primo luogo nell’art.41 comma 2 Cost., in ragione del quale viene sancito il principio della libertà di iniziativa economica.Ma affinché tale principio venga concretamente ed effettivamente attuato la stessa Carta Costituzionale contempla la necessità di predisporre un sistema di controlli e norme, imprescindibile garanzia senza la quale potrebbero verificarsi abusi da parte di operatori pubblici o privati.

Con grande efficacia si è detto che le Authorities non amministrano ma regolano. E sia chiaro, un libero mercato ha necessità di certezze e non di precarietà, di criteri rigorosi e non di giungle amministrative.

Presidente Camera Forense Ambientale (CFA)

Avv.a Cinzia Pasquale

 

È possibile leggere qui la versione integrale dell’articolo pubblicato sulla rivista “Orizzonti”: Orizzonti-31

Rileggi anche il precedente articolo  “G come Governance” pubblicato sulla rivista “Orizzonti”:

https://www.cameraforenseambientale.eu/g-come-governance-come-trovarne-una-green/

 

Visita i nostri social :

https://www.facebook.com/cfacameraforenseambientale/

https://it.linkedin.com/in/camera-forense-ambientale-

https://twitter.com/tweetcfa

 

 

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email